Structural Magazine 242

The new issue online

More than 130 pages of articles that explore topics of current interest.
The Editorial by Stefano Pampanin intends to stimulate some reflections for the definition of a coordinated long-term action plan at national level, capable of raising the bar and aiming at a significant reduction of the socio-economic impacts associated with earthquakes, both for existing buildings and new buildings by promoting the use of new low-damage technologies.
The second contribution, again on existing constructions, deals with theme of the conservation of a particular type of cultural heritage, the Churches, combined with that of the safety of those who may find themselves inside these buildings at the time of an earthquake. The next paper proposes a review of the principles and technologies for structural first aid to historic buildings and monuments after the last major earthquakes in Italy.
Two articles related to recent technologies complete the issue: an interesting note presents the results of a research aimed at assessing and comparing the properties of two commercial Ultra-High-Performance Fiber Reinforced Concretes (UHPRFC) made with the same amount of steel fibers (2.5% vol.); lastly, an article illustrates the state of the art and innovations and provides information about the mechanical splicing system of reinforcing bars from a technological and constructive point of view – also examining the regulatory aspects and the important repercussions of this system, in terms of environmental sustainability.
CONTENTS HERE

Più di 130 pagine di articoli che approfondiscono argomenti di attualità e interesse.
L’Editoriale di Stefano Pampanin presenta alcune riflessioni di stimolo alla definizione di un piano di azione coordinato a livello nazionale, lungimirante e duraturo, in grado di alzare l’asticella e puntare ad una significativa riduzione degli impatti socio-economici associati ai terremoti, sia per le costruzioni esistenti che per le nuove costruzioni promuovendo l’utilizzo di nuove tecnologie a basso danneggiamento.
Seguono, per edifici esistenti, un contributo sul tema della conservazione di una particolare tipologia di beni culturali, le Chiese, coniugato con quello della sicurezza delle persone che si possono trovare all’interno di questi edifici nel momento di un sisma. E un articolo che propone una disamina dei principi e delle tecnologie di primo soccorso strutturale su edifici storici e monumenti, a seguito dei più recenti grandi terremoti in Italia.
Completano il numero due articoli legati a recenti tecnologie: una nota che presenta i risultati di una ricerca volta a valutare e confrontare le proprietà di due calcestruzzi commerciali fibrorinforzati ad altissime prestazioni (UHPRFC) realizzati con la stessa quantità di fibre di acciaio(2.5% vol.). E un articolo che illustra lo stato dell’arte e le innovazioni del sistema di giunzione meccanica delle barre di armatura dal punto di vista tecnologico e costruttivo, esaminando anche gli aspetti normativi e le importanti ricadute di questo sistema in termini di sostenibilità ambientale.
QUI IL SOMMARIO

GIUNZIONI MECCANICHE PER BARRE DI ARMATURA

STARS (Splicing Technology Allows Reduction of Steel) nasce da un’iniziativa della società BARTEC COMPANY come veicolo di informazione dei molteplici vantaggi legati alle giunzioni meccaniche per barre d’armatura, in primo luogo quelli, attualissimi, di alternativa “verde” alla tradizionale sovrapposizione.
BARTEC COMPANY può essere considerato il vero unico pioniere nella connessione tramite un manicotto a filettatura parallela, in quanto è l’azienda che per prima ha messo a punto una tecnologia sicura, affidabile e certificata per la trasmissione dei carichi fra barre d’armatura dello stesso diametro che garantisca la rottura a trazione ultima nella barra al di fuori della zona di giunzione. Detta tecnologia è stata poi perfezionata con il recente brevetto di giunzioni meccaniche altamente performanti LINXION® PI.
Ed è proprio grazie alla propria esperienza ultratrentennale che BARTEC COMPANY ha potuto
valutare l’impatto della giunzione con manicotto filettato parallelo all’interno di complesse strutture in calcestruzzo armato, giungendo a sorprendenti conclusioni di una possibile diminuzione della quantità di acciaio superiore al 20%, equivalente a una riduzione immediata di carbonio presente all’interno della struttura superiore al 4%!
E’ significativo ricordare che il progetto STARS, presentato a Dubai in prima mondiale nel marzo 2022
dalla filiale di BARTEC LINXION DUBAI, è stato nominato dall’EGBC (Emirates Green Building Council) fra le tre ricerche più importanti dell’anno nell’ambito di costruzione “verde” negli Emirati Arabi Uniti, paese in prima linea per una azione di riduzione dell’impronta di carbone nelle sue avveniristiche strutture.

https://www.linkedin.com/company/bartec-group-linxion/

STRUCTURAL MAGAZINE 242

Valutazione di Vulnerabilità e Classificazione Sismica di Edifici in C.A.

Manuale di calcolo su struttura a telaio secondo NTC 2018 con approccio analitico SLaMA

Claudia Sansoni, Simona Bianchi, Stefano Pampanin  Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica,

Sapienza Università di Roma

Tecniche elettrochimiche per lo studio della corrosione

FERRARA | 7-8-9 FEBBRAIO 2023

 

Giornata di studio “Pietro Pedeferri” CORROSIONE SOTTO SFORZO E INFRAGILIMENTO DA IDROGENO

2 dicembre 2022 – Aula Rogers, Politecnico di Milano

La giornata sarà articolata con presentazioni scientifiche di esperti accademici e dell’industria con l’intento di coniugare in modo sinergico la scienza e l’ingegneria della corrosione.

JOINT FRP

Ciro Del Vecchio, Marco Di Ludovico, Alberto Balsamo, Andrea Prota "Sul sito ReLUIS è disponibile JOINT FRP v.1.0 (versione beta).

Software per la progettazione del rinforzo dei nodi trave-pilastro con FRP applicabile dal solo esterno. Il software è stato validato attraverso le prove sperimentali descritte in questo articolo"